Cosa bolle in pentola

Cosa bolle in pentola

Cosa bolle in pentola, ovvero come prosegue il cammino de Il mago Tre-Pi (di Lilith Moscon, illustrazioni di Marta Pantaleo)?

Questa primavera si prospetta ricca di appuntamenti e di incontri interessanti che porteranno la carrozza del Mago in giro per l’Italia. Ecco qualche data da segnare:

23 marzo: Vi ricordate il progetto “In viaggio verso Secondigliano?” Abbiamo destinato una parte dei fondi raccolti durante la campagna di crowdfunding per far arrivare Il mago Tre-Pi all’istituto Savio Alfieri di Secondigliano. Mercoledì 23 marzo incontreremo i docenti della scuola e con loro inizieremo un percorso di confronto e formazione sull’importanza di una “educazione accessibile”. Alcune classi dell’istituto insieme ai loro docenti avvieranno un percorso di lettura e teatralizzazione del Mago;

 

 

26-29 marzo: saremo presenti al http://bolognachildrensbookfair.com/home/878.html. Non avremo un nostro stand ma vi aggiorneremo su tutti gli incontri che faremo e, vi annunceremo qualche novità;) Se volete incontrarci scriveteci sulla nostra pagina Facebook: Telos edizioni https://www.facebook.com/telosedizioni/;

 

 

7 aprile: saremo ospiti dell’AID sezione Roma all’interno di una mattinata dedicata ai genitori per presentare il nostro progetto editoriale;

 

12-13 aprile: saremo ospiti del Ce.S.I.S. https://www.unimol.it/ricerca/centri/ce-s-i-s/ “Museo della scuola” dell’Università del Molise per due stimolanti giornate all’insegna della riflessione su “Il mago Tre-Pi” e sull’importanza della figura di Giuseppe Pitrè nel panorama letterario italiano. Seguirà un laboratorio dedicato alle scuole;

 

2 maggio: saremo ospiti dell’associazione culturale promotrice dell’evento “Leggimi una storia” http://www.leggimiunastoria.it. Insieme saliremo sulla carrozza ambulante del “mago Tre-Pi” e arriveremo all’Istituto Comprensivo Giaracà di Siracusa dove presenteremo il progetto editoriale e faremo tornare Giuseppe Pitrè a casa, in Sicilia;

3 maggio: saremo ospiti dell’ AID sezione Catania, dove ci confronteremo sui temi “Educazione e accessibilità” e sui nuovi interrogativi posti da questi temi;

 

10-14 maggio: saremo presenti, con uno stand, al Salone del libro di Torino

 

 

 

Restate con noi perché vi documenteremo ognuna di queste iniziative elencate.

 

Il mago Tre-Pi è una storia importante

Il mago Tre-Pi è una storia importante

La carrozza de Il mago Tre-Pi (di Lilith Moscon, illustrazioni di Marta Pantaleo) viaggia. Il viaggio è la sua dimensione costitutiva. Questa volta ha fatto una sosta in una classe 3° della Scuola Primaria Montessori di Fratte Rosa (PU).

E’ meraviglioso per noi leggere e condividere con voi alcuni commenti di piccoli lettori raccolti  da una maestra attenta. Di seguito il ritorno sulla sua esperienza di lettura de Il mago Tre-Pi con i suoi ragazzi:

” – Quando la maestra ci ha letto la storia, mi sentivo felice e sarei voluto andare in carrozza con lui -, questo è stato uno dei messaggi che un bambino mi ha consegnato quando ho chiesto un feedback sul libro.

Il Mago Tre-Pi è uno di quei libri che come maestra non deve mancare nella mia biblioteca, per due motivi in particolare: perché ha disegnato l’incanto sui volti delle bambine e dei bambini che mi ascoltavano e perché ogni giorno mi chiedevano se avessi letto loro Il Mago Tre-Pi.

Era il viaggio di cui quotidianamente desideravano nutrirsi.

Nicola e Giuseppe, i due personaggi principali de “Il mago Tre-Pi”

Riporto alcuni dei commenti che mi hanno restituito:

– La storia del mago Tre-Pi mi è piaciuta moltissimo perché è una storia fatta con la fantasia -.

Il mago Tre-Pi è il libro che mi è piaciuto di più e il momento più bello era quando in carrozza si raccontavano i pensieri e i sogni -.

Il mago Tre-Pi nella carrozza parlava dei suoi sogni -.

– È stato bellissimo e la parte più bella è stata quando il bambino ha visto il mago Tre-Pi -.

– A me è piaciuto tantissimo il libro e quando ho scoperto che il mago era un fantasma, mi è piaciuto ancora di più -.

– Questo libro mi è piaciuto tanto e dopo che la maestra ha finito di leggerlo in classe, l’ho subito portato a casa e l’ho riletto -.

 

Non solo una bambina, ma molti e molte di loro hanno voluto rileggerlo nuovamente, in una lettura solitaria nella propria casa, forse per raccogliersi in intimità con i propri sogni, perché come ha detto una bambina, – Il mago Tre-Pi è una storia importante -.”

 

 

 

 

 

 

 

 

Divi WordPress Themes